domenica 27 aprile 2008

Il sindaco di Roma

Stamattina si vota. Ancora. Bisogna eleggere colui che diventerà il nuovo Sindaco di Roma.
Dopo la sconfitta di Grillini sono in ballottaggio Francesco Rutelli e Gianni Alemanno, ovvero un ex -radicale fattosi pretino e un fascista. Che bella scelta!
Tra i due mali si sceglie il minore, come da anni mi pare si faccia quando si tratta di politica.
Tra un Alemanno che in gioventù lancia molotov e viene arrestato, che è stato implicato ( ma poi prosciolto) nel caso Parmalat e che divide le sue glorie con Storace di AN io debbo preferire Rutelli che anche se non esattamente laico ( ehmm... c'è chi dice sia il portavoce del Cardinal Ruini, che maligni!) è già stato sindaco di Roma e a parte qualche scelta più che discutibile ha fatto il suo mestiere in maniera adeguata. Se anche nella capitale si insedia la Destra, alleata con la Lega, finiremo col filo spinato da Milano in giù e certo i problemi della Capitale avranno un peso diverso.
E poi basta con descrivere Roma come un covo di violentatori , di teppisti e di chissà quali mostruosi demoni usciti dai tombini di via Veneto!
A parte il fatto che sul recente caso di stupro avvenuto a Roma ci sono degli aspetti poco chiari e in tempi di propaganda politica tutto è da verificare, la violenza _ purtroppo _ è comune a tutta Italia.
Da un TG : " Onorevole Alemanno, è vero che dopo il caso di stupro avvenuto lei vuole cacciare tutti i Romeni dalla Capitale?" " No, non è vero. E' una falsità! Io voglio cacciare tutti gli extracomunitari!"
Questo tanto per far capire le ideologie della gente che ci governa.
Devo prepararmi la divisa da balilla?

1 commento:

Elena ha detto...

Sono stata a Roma per il secondo anno di seguito in occasione del ponte del 1 maggio.
Da sola, in giro per la città, tra musei e monumenti. E non ho avuto nessun problema!
Per cui è solo demagogia quella di Alemanno.
Mi spiace per Grillini.
Saluti, spero di reincontrarti in qualche fiera dei fumetti
Elena da Torino