venerdì 8 agosto 2008

Olimpiadi


Stasera , con la cerimonia di apertura, iniziano le Olimpiadi. Interessi economici e politici hanno prevalso sulla Cina che continua a perpetrare stragi di innocenti, repressioni, disprezzo dei diritti civili ai danni dei Tibetani. L'Europa attende la realizzazione delle promesse fatte da Pechino riguardanti la libertà di stampa, la liberazione dei monaci, cifre reali riguardanti morti e feriti, un dialogo con il Dalai Lama e altre cosette del genere nella speranza di un mondo senza repressioni e violenze ( Ma vabbè, qui siamo all'utopia...).
Però forse trattare il leader spirituale di migliaia di Buddisti e leader di milioni di Tibetani che vivono in Cina come se fosse un criminale non giova all'immagine di un Paese costantemente sotto agli occhi del mondo. Chissà se un giorno non lontano il Tibet potrà essere libero di professare la propria religione e conservare la propria cultura e in Cina ci sarà libertà di pensiero e libertà di stampa?

2 commenti:

Sim ha detto...

Chissà se un giorno non lontano l'Italia potrà essere libera.

Scherzi a parte, almeno qui ci lasciono credere di poterlo fare :)

Anonimo ha detto...

Sarebbe bello se fosse così, Fabrizio...

Kaname